GAL GARGANO AZIONE 2 – GARGANO IMPATTO ZERO INTERVENTO 2.2 Promuovere La Diversificazione e le Nuove Forme di Reddito nel Settore della Pesca e Acquacoltura: Investimenti per la Vendita Diretta, la Conservazione e Commercializzazione di Prodotti Ittici

OBIETTIVI DELL’AVVISO

Con l’intervento 2.2 si intende contribuire allo Sviluppo di nuovi e innovativi canali di distribuzione dei prodotti ittici per rafforzare il sistema produttivo e ottimizzare le condizioni del settore della trasformazione e della commercializzazione dei prodotti ittici

BENEFICIARI

Imprenditori ittici che praticano, in forma singola o associata, l’attività di pesca professionale e che abbiano l’imbarcazione porto base nel territorio eleggibile del GAL alla data di presentazione della domanda nei 5 anni successivi. I beneficiari che avranno usufruito dell’intervento dovranno svolgere l’attività e mantenere la propria imbarcazione iscritta alle competenti attività marittime del GAL.

Gli interventi dovranno essere localizzati nell’area territoriale di competenza del GAL coincidente con i Comuni di Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Isole Tremiti, Lesina, Mattinata, Monte S. Angelo, Peschici, Rodi Garganico, San Nicandro Garganico, Vico del Gargano, Vieste

SPESE AMMISSIBILI

Sono ritenuti ammissibili interventi:

  • interventi di “Sviluppo di nuovi ed innovativi canali di distribuzione e sistemi di commercializzazione dei prodotti della pesca”: Sistemi innovativi per la commercializzazione diretta (vendita itinerante, Farmer’s Market, vendita on line, box schemes, Vendita con consegna a domicilio dei prodotti ittici, etc.);
  • “Interventi infrastrutturali, strutturali per la creazione di servizi che agevolino la vendita diretta, la conservazione e la tracciabilità dei prodotti ittici”:
  1. attrezzature e infrastrutture per la conservazione, trasformazione e la commercializzazione dei prodotti della pesca;
  2. attrezzature ed infrastrutture informatiche per migliorare la tracciabilità del prodotto, l’etichettatura e la gestione delle informazioni ai consumatori;
  3. strutture fisse o mobili per la vendita diretta del pescato;
  4. vendita diretta dei prodotti ittici a bordo dell’imbarcazione;
  5. investimenti a bordo e a terra per la fornitura del prodotto ittico ai Gruppi di Acquisto Solidali, ristoranti etc;
  6. sistema di gestione informatizzata degli sbarchi che agevoli la tracciabilità dei prodotti della pesca locali e coordini e favorisca azioni di vendita diretta immediate ed efficaci

Le categorie di spese ammissibili riguardano:

  • Ristrutturazione, adeguamento e/o allestimento di immobili destinati alla vendita diretta;
  • Acquisto e/o allestimento di strutture mobili da utilizzare come punti di vendita diretta (es. banchi, chioschi, etc.);
  • Acquisto di macchinari, attrezzature per la lavorazione, la prima trasformazione, conservazione, confezionamento, etichettatura e commercializzazione dei prodotti ittici venduti direttamente, incluse quelle per il trattamento degli scarti;
  • Spese per il miglioramento delle condizioni di igiene e sanitarie, delle condizioni ambientali, anche attraverso l’adozione di innovazioni tecnologiche;
  • Opere murarie e/o impiantistiche strettamente inerenti il progetto, ivi compresi interventi per l’accessibilità e il superamento delle barriere architettoniche;
  • Spese per l’adeguamento di automezzi specializzati per le consegne a domicilio dei prodotti ittici, fornitura e posa in opera di cassoni coibentati e spese strettamente inerenti l’acquisto dei sistemi di refrigeramento delle celle frigorifere per i prodotti ittici – per i quali non si può interrompere la catena del freddo – esclusa la motrice (autoveicolo e autocarro);
  • Spese per l’acquisto di un automezzo dotato di coibentazione e gruppo frigorifero, non amovibili dalla motrice;
  • Spese per l’acquisto di arredi ed attrezzature, per lo svolgimento di attività di piccola ristorazione, degustazione e somministrazione di prodotti ittici;
  • Acquisto di hardware e software finalizzati all’adozione di tecnologie di informazione e comunicazione (TIC) collegate al commercio elettronico dei prodotti ittici (vendita on line);
  • Creazione e/o implementazione di siti internet dedicati al commercio elettronico (vendita on line) dei prodotti ittici;
  • Attività di marketing e/o materiale pubblicitario (es. brochure, flyer, biglietti da visita, rollup, banner e gadget vari, strettamente inerenti la promozione e comunicazione dell’attività di vendita), nel limite massimo del 30% dell’importo totale del Progetto;
  • Consulenze di tipo specifico e/o specialistico.

MASSIMALE D’INTERVENTO

L’Intervento prevede un’intensità massima dell’aiuto pubblico pari al 50% delle spese ammesse a finanziamento, coerentemente con la Strategia di Sviluppo Locale approvata.

L’investimento massimo ammissibile per singolo progetto è fissato in euro 100.000,00 (euro centomila/00) quota pubblica + cofinanziamento privato.

Per il tipo specifico di operazione sotto elencato, l’intensità dell’aiuto pubblico è così ri-determinato:

Interventi connessi alla pesca costiera artigianale (per pesca costiera artigianale si intende la pesca praticata da pescherecci con lft inferiore a 12 mt. che non utilizzano gli attrezzi da pesca trainati) l’intensità dell’aiuto è pari all’80%.

TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

I termini di presentazione delle domande di sostegno sono fissati alla data del 03/02/2021

ARTICOLI SIMILI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

ULTIMI ARTICOLI